Educare i giovani a immaginare il futuro attraverso la scienza

Giovedì 19 aprile, alle ore 15, Opificio Golinelli ospita il convegno dal titolo “Educare i giovani a immaginare il futuro attraverso la scienza: nuove sfide dell’era contemporanea“. L’iniziativa è dedicata al progetto europeo Erasmus +I SEE e si rivolge agli insegnanti di scuola secondaria di II grado, agli educatori e ai curiosi.

PROGRAMMA

ore 15>15.10 Saluti introduttivi di Eugenia Ferrara, Responsabile Area Scuola e Divulgazione Fondazione Golinelli

15.10>15.30: Presentazione del progetto I SEE con la professoressa Olivia Levrini, Università di Bologna, Coordinatrice del progetto I SEE

ore 15.30>17: Lectio Magistralis dal titolo “Complessità e futuro” con il professor Gianni Zanarini, Università di Bologna

ore 17: coffee break

ore 17.15>18: Teach the future, collegamento con il professor Peter Bishop, University of Houston (USA)

ore 18>18.25: Risultati di esperienze di classe, con Michela Clementi, Paola Fantini e Fabio Filippi, Liceo “A. Einstein”, Rimini

ore 18.25>18.40: Conclusioni con la professoressa Olivia Levrini, Università di Bologna

Modera Raffaella Spagnuolo (Fondazione Golinelli)

PER ISCRIVERTI AL CONVEGNO CLICCA QUI

imagesI SEE è un progetto europeo Erasmus +, coordinato dal Dipartimento di Fisica ed Astronomia dell’Università di Bologna, in partnership con Fondazione Golinelli di Bologna, Università di Helsinki, The Icelandic Environment Association, Association for Science Education di Londra e tre scuole secondarie di II grado (Liceo Einstein di Rimini; Normal Lyceum di Helsinki, Menntaskolinn vid Hamrahlid di Reykjavík.

Scopo di I SEE è sviluppare nei giovani “competenze di futuro” attraverso l’educazione scientifica.  Con la costruzione di moduli su temi scientifici interdisciplinari quali ad esempio i cambiamenti climatici, intelligenza artificiale, si vogliono sviluppare non solo competenze scientifiche ma anche abilità per immaginare e costruire possibili scenari di futuro così da orientare azioni nel presente.

Autore: admin | 29 marzo 2018