La democrazia nell’era di Internet con Pierre Lévy

lunedì 21 maggio  | ore 17  | convegno “The Evolution of the Algorithmic Medium
martedì 22 maggio  | ore 9>13 | seminario “How to make meaning computable?”

fotolevyPierre Lévy, media philosopher francese e teorico della cybercultura, sarà ospite al Centro Arti e Scienze Golinelli il 21 e 22 maggio prossimi. Che impatto hanno le nuove tecnologie digitali sul nostro stile di vita? E perché internet ha trasformato il nostro rapporto col sapere?

Lunedì 21 maggio, alle 17, il guru di Internet terrà una conferenza aperta al pubblico dal titolo “The Evolution of the Algorithmic Medium” per presentare gli sviluppi più recenti delle nuove tecnologie comunicative e il loro rapporto con la creatività. Dai grandi calcolatori elettronici alla nascita di Internet, dal diffondersi dei personal computer ai social network, fino agli ulteriori sviluppi che si stanno delineando, lo studioso mostrerà l’interazione fra creatività umana e intelligenza artificiale, nonché le conseguenze a livello socio-cognitivo che le tecnologie emergenti comportano, delineando gli scenari futuri.

Il giorno successivo, martedì 22 maggio (ore 9>13), Lévy terrà un seminario a porte chiuse dedicato a dottorandi, post-doc e giovani ricercatori, occasione per confrontarsi sul tema “How to make meaning computable?” e praticare una forma di riflessione comune, sollecitata dalla presenza di un maestro che è in grado di condividere con le parole e con la pratica – come accadeva nelle grandi botteghe del passato e nei laboratori di ricerca del presente – il suo sapere e la sua attuale ricerca. Si tratterà di mettere alla prova della discussione collettiva i risultati del progetto IEML (Information, Economy, MetaLanguage), al quale sta lavorando da anni: l’elaborazione di un linguaggio artificiale, dotato di un potere espressivo analogo a quello dei linguaggi naturali, che offre un codice semantico inter-linguistico e che fornisce un sistema semantico di metadati. Lévy descriverà il suo progetto e discuterà con i partecipanti al seminario le implicazioni linguistiche, filosofiche, informatiche, logiche e comunicative.

Introdurrà il professor Adriano Fabris, membro del gruppo di lavoro presieduto dal professor Andrea Zanotti, presidente di Fondazione Golinelli.

Lévy inaugura il ciclo di incontri biennale (2018-2019) “Astronave Arione” ideato da Fondazione Golinelli per il Centro Arti e Scienze, nell’ambito del programma pluriennale OPUS 2065 della Fondazione Golinelli. L’appuntamento è il primo delle 8 tappe di questo percorso di ricerca strutturato in eventi che approfondiranno il connubio tra arte, scienza e tecnologia. Il format prevede una parte divulgativa aperta al pubblico ed una seminariale di approfondimento – a porte chiuse – per studiosi e ricercatori.

Per la conferenza del 21 maggio è previsto un servizio di traduzione simultanea dall’inglese.

Per informazioni e prenotazioni clicca qui

Scarica la locandina

Autore: admin | 4 aprile 2018